Quali sono i paradisi fiscali nel mondo?

I paradisi fiscali sono sparsi nel mondo, ne esistono diversi e quando si apre una società offshore bisogna informarsi costantemente sulle leggi che cambiano nel tempo. Ci sono nazioni molto famose per essere state un paradiso fiscale, eppure oggi non offrono nessun vantaggio da quando sono scese a compromessi con alcune leggi internazionali imposte dalle grandi potenze economiche. Un esempio è san marino che al giorno d’oggi non fa più parte della black list italiana. Sul nostro sito web vendiamo società anonime a bassa tassazione (o completamente esenti da tasse), la lista delle giurisdizioni presenti è stata selezionata con attenzione ed in base a quelle che sono le leggi attuali, nel tempo siamo stati costretti ad eliminare dal nostro sito le nazioni che hanno aderito alle leggi internazionali e che possiamo dire che non fanno più parte dei paradisi fiscali.

Lista paradisi fiscali nel mondo

Arrivare ad un elenco di paradisi fiscali non è un esercizio diretto in quanto sono lontani da un gruppo omogeneo. La Gran Bretagna per esempio ha alcune caratteristiche che indicano che si tratti di un paradiso fiscale. Diversi territori manipolano leggi diverse e sfruttano diversi vantaggi comparativi. L’elenco dei paradisi fiscali etici dei consumatori è stato compilato nel 2012 e prende come punto di partenza l’ Indice di segreto finanziario (FSI), lanciato nel 2011 dalla rete Tax Justice.

Ecco la lista delle giurisdizioni definite paradisi fiscali: Andorra, Anguilla, Antigua e Barbuda, Aruba, Bahrain, Bahamas, Barbados, Belize, Bermusa, Isole vergini britanniche, Brunei, Isole di cayman, Isole cook, Delaware, Dominica, Gibilterra, Grenada, Guernsey, Hong Kong, Isole di man, Jersey, Labuan (Malesia), Liechtenstein, Lussemburgo, Macao (Cina), Madeira, Maldive, Malta, Isola Marshall, Monaco, Montserrat, Nevada, Samoa, San marino, Seychelles, Singapore, Sant kitts e nevis, Santa lucia, St vincent e grenadines, Svizzera, Isole vergini, ecc.

Ovviamente esistono tante altre nazioni definite paradisi fiscali ma queste sono le principali.

Questa classifica di paradisi fiscali o delle giurisdizioni che garantiscono il segreto societario avvolte vengono utilizzate per attività illecite o corruzioni di vario genere anche se abbiamo elencato il Regno Unito, gli Stati Uniti, il Canada e l’India che sono giurisdizioni in cui si svolge molta attività legittima di negoziazione. Una certa attenzione va rivolta verso stati come Delaware, Wyoming e Nevada che nonostante appartengano all’america e quindi dovrebbero essere molto trasparenti, permettono di aprire società molto forti in termini di riservatezza, sono poco costose e vengono utilizzate da tutto il mondo per svolgere attirare denaro illecito e finanza terroristica. Ci sono anche giurisdizioni che non sono dei veri paradisi fiscali ma hanno una tassazione bassa, un esempio è l’Irlanda con un tasso del 12,5% della Corporation Tax, rispetto al 24% nel Regno Unito, viene molto utilizzata dai software americani e dalle società informatiche per evitare l’imposizione in Europa.

 

Categorie: Uncategorized

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *